fimmgformazionelazio.net

Auguri di Buon Buovo Anno.2017 (di P.L. Bartoletti)

bartoletti-pier-luigi-microfono

31 Dic (www.fimmgroma.org) – Il 2016 è stato un anno caratterizzato in negativo da grandi tragedie, quelle legate al terrorismo a Nizza e Berlino, quelle legate ad eventi naturali, il sisma in Centro Italia, da grandi cambiamenti dovuti a fatti elettorali, la Brexit, con l’uscita della Gran Bretagna dalla UE, dalla vittoria inaspettata di Trump negli Stati Uniti, fino alle dimissioni di Matteo Renzi dopo la sonora sconfitta al referendum costituzionale passando per la vittoria del Movimento 5 Stelle in molti Comuni, tra cui Roma. Anche nel mondo dello spettacolo, soprattutto la canzone, ha visto la scomparsa di molti grandi artisti, da Prince a David Bowie fino alla recentissima scomparsa di George Michael. Ma anche il mondo del cinema ha avuto i suoi lutti, l’ultimo l’attrice Carrie Fisher, la Principessa Leila di Star Wars, e la di Lei madre dopo poche ore, in Italia invece abbiamo avuto la morte di Bud Spencer. Anche la politica ha visto la scomparsa di un leader come Fidel Castro e di un altro leader, Marco Pannella, cosi’ come lo sport con la morte di Muhammad Ali’ ha avuto i suoi lutti.Insomma, brutti ricordi. Anche nel mondo della Sanità il 2016 non avrà molte liete notizie da iscrivere nell’annuario. La scomparsa del Professor Umberto Veronesi, del Professor Chimenti e del Dottor Roberto Lala, mio amico personale e Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, non fanno certo ricordare il 2016 come un anno lieto. Anche la sanità italiana, nel suo piccolo, ha visto drastici e repentini cambiamenti, sia pur per fortuna, senza effetti sulle persone. La Fimmg ha visto cambiare, per la prima volta nella sua ultracinquantennale storia il Segretario Nazionale in corso di un mandato.
Un fatto che ha dell’incredibile, nel nostro sindacato, tradizionalmente equilibrato ed allergico ai colpi di testa.

Tra i pochi fatti positivi c’e’ l’uscita “tecnica” dal piano di rientro della spesa sanitaria della Regione Lazio, che apre delle prospettive diverse dopo un decennio di tagli lineari.

Che anno ci aspettiamo? Certo il numero 17 per molti porta sfortuna, anche se per altri, invece ha un significato esoterico, foriero di eventi positivi. Sia Mai.

Cosa bolle in pentola? C’e’ in discussione il nuovo contratto per la medicina generale, che vorremmo fosse un contratto che porti in se’ segnali di innovazione e di potenziamento della sanità territoriale, a partire da Gennaio ci sarà molto da lavorare, cosi’ come bisognerà lavorare di fino per uscire nel Lazio da una fase di tagli ed entrare in una fase di efficientamento del sistema sanitario pubblico, uscendo dalla logica teorica ed entrando in quella pratica di far funzionare bene le cose che ci sono. Per bene intendo far entrare nel concetto di normalità cio’ che oggi è eccezionalità ed emergenza. Normale avere qualcuno che “ti prende in carico” Non aspettare un anno per una prestazione. Evitare che una ciclica epidemia influenzale si trasformi in una Caporetto per il sistema pubblico

Un anno normale. Che veda il trionfo della normalità sull’eccezionale, dell’uomo comune sul campione del mondo, dell’onestà sul malaffare, ma che lasci le sabbie della superanalisi dei problemi, che ben conosciamo, e si concentri sulle soluzioni, avendo il coraggio di provare a cambiare il tran tran degli ultimi anni.

Ce la possiamo fare? Noi cerchiamo di mettercela tutta. Dateci una mano.
Un abbraccio a Tutti e Tutte.
Buon Nuovo Anno.

Pier Luigi Bartoletti.

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *