fimmgformazionelazio.net

EMERGENZA INFLUENZA: Scotti ,medici di famiglia in prima linea

img_3792-1.jpg

Il segretario nazionale della Fimmg, Silvestro Scotti, in occasione della riunione della Segreteria Nazionale della Federazione a Roma ha sottolineato l’impegno dei medici di famiglia nell’attuale ”emergenza influenza”: «Sono 6 milioni i cittadini italiani che in questi giorni, quotidianamente, ricevono una risposta dal proprio medico di famiglia.Le visite quotidiane si sono in media quasi raddoppiate (da 50 a 80 per ogni professionista) a cui si aggiungono decine di telefonate. A ciò si aggiunge l’esplosione del numero degli accessi alle sedi di continuità assistenziale (la ex guardia medica) che garantiscono l’offerta assistenziale della Medicina Generale anche durante il sabato e la domenica. I medici di famiglia e di continuità assistenziale sono in prima linea e senza il loro impegno dall’emergenza si potrebbe passare alla catastrofe». Quindi sulla situazione dei pronto soccorso aggiunge «è un problema reale che necessita di una soluzione attraverso un modello collaborativo di riorganizzazione del territorio. Il nostro lavoro è curare la gente, non siamo un semplice filtro del pronto soccorso e i numeri ci danno ragione. Non lavoriamo per codici, noi lavoriamo per le persone. Poiché siamo di fronte a un caso “sentinella”, ovvero a un’emergenza per certi aspetti forse non prevedibile (clima, psicosi meningite, mortalità e morbosità, epidemia influenzale), chiediamo al Ministro della Salute e alle Regioni di avviare un tavolo di confronto nazionale con tutte le categorie coinvolte (dai medici di medicina generale agli infermieri ai responsabili dei pronto soccorso) per affrontare in modo organico il problema ed evitare di trovarci l’anno prossimo nella stessa situazione».

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *