fimmgformazionelazio.net

Influenza 2016/ News, italiani a letto con la febbre: vaccini ok, ma farlo al più presto.

img_3772

18 DIC -sussidiario.net-“Occhio ai vaccini, nel senso fatelo al più presto!”, questo il messaggio a tutti gli italiani malati di influenza in questa fine 2016 e a cavallo con il nuovo anno in arrivo. Natale a rischio per 5 milioni di italiani con il rischio di una maggiore aggressività della malattia per questo 2016: come riporta la Fimmg (Federazione medici di famiglia), «Sono due i ceppi che potrebbero causare più danni della media, l’A/Hong Kong e il B/Brisbane. Il rischio di ammalarsi sarà quindi più alto ma i sintomi non cambieranno: febbre, dolori alle articolazioni e infezioni alle vie respiratorie, mal di testa». I vaccini sono la soluzione ma bisogna farlo al più presto senza perdere tempo, consigliamo i medicini famigliari: «nonostante le bufale anti-vaccini che spopolano nel web, si è avuto un aumento del 10% della popolazione immunizzata, con oltre il 25% di anziani vaccinati anche contro la polmonite, sempre in agguato. Resta il fatto che in molti sono ancora esposti al virus e tempo ne è rimasto poco. A fine mese le Regioni diranno stop alla campagna di vaccinazione gratuita per le persone a rischio, con l’eccezione del Lazio, dove si andrà avanti anche per tutto gennaio».Il virus dell’influenza 2016 si dimostra potente e insidioso: basta dare un’occhiata in giro per capire quanti italiani sono a letto con la febbre in queste ultime ore. Secondo i dati diffusi da Influnet, il portale dell’Istituto Superiore della Sanità, dall’inizio della stagione sono circa 611mila i connazionali che hanno dovuto fare i conti con i fastidi dell’influenza 2016. L’impennata più elevata si è registrata proprio la scorsa settimana (5-11 dicembre), con addirittura 142mila italiani messi k.o. con tutti i sintomi caratteristici del virus di quest’anno. Per quanto i numeri messi a disposizione da Influnet rispetto all’influenza 2016 possano impressionare, è lo stesso Istituto Superiore della Sanità a chiarire che non è il caso di cadere nella trappola di facili allarmismi sottolineando che “l’intensificarsi dell’attività dei virus influenzali sebbene l’incidenza raggiunta sia sotto la soglia epidemica”.Influenza 2016 che continua a mietere “vittime”: oltre 600mila italiani a letto con la febbre dall’inizio della stagione, più di 140mila soltanto nell’ultima settimana. Questi i numeri impietosi di Influnet, il portale dell’Istituto Superiore della Sanità che si occupa di monitorare la diffusione del virus nel Paese. Ma quali sono le fasce più colpite dall’influenza di quest’anno? Indubbiamente i bambini piccoli, quelli di età compresa da 0 a 4 anni, dove si riscontra un’incidenza pari a 5,86 casi per mille assistiti; a ruota troviamo i bambini e gli adolescenti nella fascia di età 5-14 anni con 3,64 casi ogni mille assistiti, mentre nella fascia 15-64 anni siamo a 2,15 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 1,17 casi. Rispetto all’ultima settimana monitorata, quella dal 5 all’11 dicembre, il virus dell’influenza 2016 sembra essere più presente in Piemonte, Emilia-Romagna, Marche, Lazio e Campania.

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *